Passa ai contenuti principali

Benvenuti nel nostro piccolo mondo

Durante la gravidanza ero, come tutte le mamme, piena di paure per questa nuova fase della mia vita: sarò in grado di occuparmi di un bambino? Quanto cambierà la mia vita? Io sono ipovedente, lontana dalla mia famiglia d'origine... come posso fare?
Come tutte, ho iniziato a cercare in internet per vedere se altre mamme non vedenti o ipovedenti avevano raccontato la loro esperienza. La ricerca ha prodotto pochissimi risultati.

Per questo motivo, mi sono ripromessa di iniziare a scrivere un piccolo blog, che racchiuda le mie esperienze, scelte, paure, emozioni... per condividerle con altre mamme e papà che potrebbero avere sentimenti simili, domande analoghe, voglia di sperimentare.

Ci tengo a dire che le nostre sono scelte e in quanto tali hanno la stessa dignità di qualunque altra scelta.  Siamo sempre stati mossi da curiosità e voglia di sperimentare e quindi ci siamo lasciati trasportare da questa nostra indole anche nella nuova avventura dell'essere genitori.

Diamo il benvenuto a chiunque vorrà accompagnarci in questo cammino.

(Eleonora)


Questo blog vuole raccogliere la nostra esperienza di genitori. Nel nostro piccolo, le nostre scelte sono state orientate quando possibile dalla sostenibilità: per nostra figlia, per noi, per il pianeta.

Ad esempio la carrozzina o i pannolini usa e getta apparivano incompatibili col nostro stile di vita, così abbiamo adottato soluzioni tradizionali reinventate secondo logiche moderne quali il portare o i pannolini lavabili.

Eravamo preoccupati da una medicalizzazione del parto che ci pareva eccessiva, così siamo andati a leggere le linee guida OMS in merito, scoprendo come da decenni tale importante organizzazione si batta contro la violenza ostetrica; abbiamo pertanto optato per un parto sicuro, ma non in ospedale.

La nostra sorpresa è stata constatare come i maggiori ostacoli alla gestione quotidiana di nostra figlia non sono derivati da problemi di lavoro o legati al fatto che Eleonora sia ipovedente, bensì dai pregiudizi consumistici di alcune delle persone che ci circondavano. 

In questo blog abbiamo raccolto queste ed altre nostre scelte, le presentiamo dunque a voi nella speranza che qualcun altro possa trovarvi ispirazione in situazioni analoghe, magari declinandole secondo le proprie personali esigenze.

(Claudio)

Commenti

Post popolari in questo blog

Svezzamento: olio d'oliva e olio di colza

Quante credenze più o meno popolari troviamo nello svezzamento ? La cosa interessante è osservare come queste certezze cambino negli approcci delle diverse culture . Un paio di esempi sono: la composizione degli omogeneizzati che si trovano sugli scaffali, 50 sfumature di carni e pesci diversi, ingredienti singoli per l'Italia, piatti "pronti" contenenti proteine, carboidrati e verdure per la Germania; l'uso del parmigiano nello svezzamento italiano, totalmente assente in quello tedesco e così via. Sembrerà strano, ma una delle domande che molti genitori, specialmente i genitori expat, si fanno è: quale olio usare per lo svezzamento ? Una cosa che abbiamo notato è che la risposta a tale domanda è diversa in Italia , dove tutti ritengono l’olio d’oliva quello più adatto, ed in Germania, dove invece il prediletto è l’olio di colza. Le argomentazioni usate sono uguali e opposte: in Germania viene detto che l’olio di colza è sano, ricco di sostanze utili, l

Le redinelle per bambini. Sono utili? Sono sicure?

"Ma come farà ad occuparsi del suo bambino con i suoi problemi???" Penso che questa domanda sia passata nella testa di chiunque conosca una persona ipovedente o non vedente che stia per diventare mamma o papà (e probabilmente possiamo sostituire questa disabilità con qualunque altra). Voglio togliervi un piccolo imbarazzo: non è una domanda che vi ponete solo voi, bensì una domanda che ci poniamo anche noi stessi ipovedenti. La differenza? Siamo già talmente pronti a cercare, chiedere, trovare soluzioni alternative, che già abbiamo fatto partire il cervello a caccia di soluzioni. E dunque cerchiamo in rete, perché è il posto più veloce e semplice dove possiamo trovare chi ha già vissuto questa esperienza, chiedere, confrontarci... o magari troviamo prodotti che sono pensati per altro, ma che ci possono salvare la vita. Bene, io ho cercato, non ho trovato, e per questo è nato questo blog. Ho già raccontato qui quanto il box non mi sia servito per arginare la curiosità di mi

Zaino porta bambini da montagna: è davvero pratico?

Mi capita spesso di leggere in giro un grande interesse per il cosiddetto " zaino da montagna porta bambini ": mamme e papà amanti delle passeggiate in mezzo alla natura che non vogliono rinunciare a questo passatempo anche dopo la nascita dei loro piccoli e vorrebbero trovare la soluzione migliore! E' una soluzione che a molti viene in mente, magari perché ricorda loro bei momenti passati con i loro genitori quando erano piccoli, oppure perché viene spesso pubblicizzata da grandi catene di prodotti mainstream. Ma.... è davvero la cosa migliore per bebè e genitore ? Invece di parlarne per sentito dire, abbiamo deciso di provare uno zaino da montagna porta bambini con la nostra bimba di 2 anni e in questo post vi racconto come è stata la nostra esperienza e che alternative potete avere. Claudio e Daphne provano lo zaino (fonte: Senza Passeggino) Zaino porta bambini: la nostra esperienza Quando l'abbiamo visto, ci trovavamo in un noto negozio di articoli sportivi e,